Cagliari , Quartu Sant' Elena , Sardegna

Invecchiamento, Fisiologico e Patologico, Generale e CutaneoPrevenzione dell'Invecchiamento, Fisiologico e Patologico, Generale e Cutaneo

 

Il termine "età" nella accezione più comune indica l'eta’ anagrafica ovvero la data di nascita. Esiste anche una eta’ biologica che descrive lo stato di “usura o invecchiamento” del nostro organismo.

 

L'invecchiamento è il periodo di vita che si svolge dalla adolescenza in poi.
L'invecchiamento può essere Fisiologico (dovuto al trascorrere del tempo per normale evoluzione dei processi biologici) o Patologico (quando si verifica in tempi accelerati con comparsa precoce o abnorme di segni e sintomi di decadimento fisico e psichico).

I fattori responsabili dell’invecchiamento sono due:

  • interni o genetici responsabili del 20 – 40% dell’invecchiamento generale
  • esterni o stile di vita responsabili del 60 - 80% dell’invecchiamento generale

 

 

 

I fattori esterni o stile di vita maggiormente responsabili dell'invecchiamento sono:

  • alimentazione sregolata o sbilanciata
  • stress negativo
  • attività fisica esagerata
  • fumo
  • radiazioni ionizzanti
  • inquinamento ambiantale

 

Esistono molte teorie che tentano di spiegare l'invecchiamento generale ma la più accreditata è la teoria dei radicali liberi. I radicali liberi sono delle specie reattive dell’ossigeno (superossido, ossidrile, alcossile, perossile, monossido di azoto, ossigeno singoletto) che, essendo estremamente reattive danneggiano la cellula a vari livelli (lipoperossidazione delle membrane, danni al DNA, alle proteine di membrana etc etc).

Uno stile di vita sbagliato può essere causa di una aumentata produzione di radicali liberi o di una riduzione delle difese del nostro organismo nei loro confronti. Le abitudini di vita che maggiormente influiscono in tal senso sono: le diete ipercaloriche e o ricche di poliinsaturi, il fumo, lo stress eccessivo, l'inquinamento ambientale, le variazioni di pressioni parziali di ossigeno, l'esposizione solare eccessiva non protetta etc.

Gli antiossidante sono molecola che in grado proteggere, rallenta e/o inibire l’ossidazione dei componenti della cellula da parte dei radicali liberi.

Lo stress rappresenta la risposta adattativa dell’organismo a stimoli ambientali che lo mettono nella condizione di intervenire con prontezza, concentrazione, efficacia, in tempi relativamente brevi. Quando lo stress è troppo intenso o troppo prolungato o la capacità di risposta e di adattamento dell'organismo è inadeguata si genera il distress o stress negativo che predispone l’organismo a problemi psicologici e/o a malattie psicosomatiche.

Le conseguenze dello stress negativo sono molteplici e si manifestano a vari livelli con: cefalea, infezioni frequenti, tensione muscolare, ipertensione arteriosa, affaticamento, palpitazioni, isolamento, irritabilità, depressione, apatia, apprensione, ansia, panico, indecisione, perdita di memoria, perdita di concentrazione, difficoltà di giudizio, confusione mentale, calo della libido, inappetenza, insonnia, irrequietezza
L'inattività mentale e lo stress negativo sono responsabili di un accelerato invecchiamento cerebrale.

 

I segni e sintomi d’invecchiamento generale sono

  • rughe
  • incanutimento e calvizie
  • riduzione della forza
  • riduzione della motilità articolare
  • riduzione della massa muscolare
  • riduzione della statura
  • aumento della vulnerabilità nei confronti di malattie
  • riduzione dei riflessi
  • caduta dei denti
  • perdita di memoria
  • riduzione della libido
  • riduzione della concentrazione e dell’attenzione


L'invecchiamento generale è responsabile dell'invecchiamento cutaneo che, a sua volta, contribuisce all'invecchiamento generale.
Invecchiamento generale e invecchiamento cutaneo sono quindi strettamente legati tra loro.

L'invecchiamento cutaneo, al pari di quello generale, può essere fisiologico o legato a fattori esterni quali sopratutto l'esposizione agli agenti atmosferici (freddo, sole, vento etc).

 

L'invecchiamento cutaneo si manifesta con:

  • formazione di rughe 
  • riduzione del tessuto elastico o produzione tessuto elastico anomalo con perdita di elasticità cutanea
  • moderata o grave perdita di collagene dai tessuti con perdita di tono
  • diminuzione dell’ac. jaluronico con perdita della idratazione
  • modificazione del colore della cute
  • secchezza cutanea
  • riduzione dei vasi sanguigni (vascolarizzazione della pelle), fragilità vasale e teleangectasie
  • assottigliamento epidermico e fragilità cutanea
  • aumento della sensibilità cutanea
  • incanutimento e calvizie
  • diminuito il turnover cellulare
  • cellule di tipo precanceroso
  • ispessimento strato corneo con ridotta luminosita’
  • comparsa di cisti e comedoni
  • alterazione del sistema immunitario

 

Tutti questi fenomeni vengono accelerati dalla esposizione esagerata e non protetta alle radiazioni solari (invecchiamento cutaneo. fotoindotto).

 

Le rughe possono essere: 

  • lineari: accentuate dalla contrazione dei muscoli mimici del viso
  • glifiche: da danno attinico, con accentuazione della normale piega cutanea dovuta ad un processo di elastosi solare
  • grinze o pieghe del sonno
  • increspature: da collasso delle fibre elastiche sub-epidermiche dovuto a mancata aderenza tra derma ed epidermide
  • pieghe naso-geniene: a confine tra le maggiori masse muscolari del viso ( muscoli peribuccali – muscolo massetere )

 

La classificazione secondo Glogau classifica l'invecchiamento cutaneo in base alla numero di rughe presenti sul viso:

  • tipo I, danno medio (assenza di rughe)
  • tipo II, danno moderato (rughe presenti al movimento)
  • tipo III, danno avanzato (rughe presenti a riposo)
  • tipo IV, danno severo (solo rughe)

CLICCA QUI PER LEGGERE ULTERIORI APPROFONDIMENTI SULLE RUGHE DEL VOLTO E LE TERAPIE ADATTE


PER CONTRASTARE L'INVECCHIAMENTO cutaneo e generale è necessario:

 

Prevenire i sintomi e i segni dell'invecchiamento:
- adottando uno stile di vita adeguato
- eseguendo una attività fisica costante e moderata
- adottando un regime alimentare equilibrato e, se necessario, con l'aggiunta di integratori alimentari e antiossidanti
- intervenendo con terapie medico-estetiche preventive quali: Biorivitalizzazione e Biostimolazione e BIOSTIMOLAZIONE con fili in Polydioxanone completamente riassorbibili
- adottando una corretta cosmesi in base al biotipo, al fototipo e allo stile di vita


Curare i segni dell'invecchiamento
- con terapie medico-estetiche locali quali: filler, botulino, carbossiterapia.
- con farmaci sistemici (che favoriscono la plasticita’ neuronale e che hanno attivita’ antidegenerativa)
- con l'utilizzo di adeguati cosmeceutici e cosmetici in base al biotipo, al fototipo e allo stile di vita

 

Clicca qui per accedere al nostro forum sulla PREVENZIONE DELL'INVECCHIAMENTO dove rispondiamo a dubbicuriosità, quesiti su questo argomento e i suoi trattamenti.