Cagliari , Quartu Sant' Elena , Sardegna

Peli nel corpo umano. Irsutismo, ipertricosi, alopeciaPeli nel corpo umano

I peli sono piccole formazioni sottili e filiformi che crescono sulla cute della maggior parte dei mammiferi, mentre le altre specie non li posseggono. Il pelo dell'essere umano è corto e setoso sulla maggior parte del corpo, mentre in alcuni punti specifici come la testa, il pube e le ascelle è più lungo e di qualità diversa; in particolare, il pelo che cresce sulla pelle del cranio viene generalmente chiamato capello e può raggiungere lunghezze considerevoli.

 

Chimicamente un pelo consiste in una serie di filamenti di cheratina, una sclero proteina che viene prodotta nel più profondo degli strati

 

Il corpo umano è rivestito quasi interamente da peli, tavolta difficilmente visibili.

 

La struttura di un pelo
Il pelo nasce da una particolare struttura della pelle, detta follicolo pilifero: qui è presente la vera e propria radice del pelo, la parte viva di esso. Per il resto, il pelo non è composto che di cellule morte stratificate e ricoperte di fitte e sottili scaglie formate da cellule cornee. Alla radice del pelo, irrorata di vasi sanguigni e a contatto con i nervi, sono sempre presenti altre due strutture, cioè una ghiandola sebacea ed un muscolo erettore del pelo; la prima si trova in comunicazione con il follicolo pilifero e, tramite esso, secerne una sostanza grassa e oleosa, il sebo, che ha la funzione di ammorbidire la pelle. Il secondo invece, molto più piccolo dei normali muscoli scheletrici, è connesso direttamente al pelo e contraendosi è capace di causare il fenomeno dell'orripilazione, comunemente chiamato "pelle d'oca". Tutti i peli contengono comunque, fatta eccezione per gli albini, dei pigmenti che conferiscono loro una grande varietà di colori.

 

Il pelo attraversa ciclicamente fasi distinte di sviluppo: crescita (Anagen), riposo (Catagen), caduta (Telogen).

 

Gli inestetismi legati ai peli
Diverse e numerose sono le malattie che possono colpire il pelo degli animali e dell'uomo: in primo luogo ricordiamo la caduta di capelli, ma anche l'irsutismo o il cambiamento dei colori dei peli con tendenza al grigio.

 

IRSUTISMO
Per irsutismo si intende una crescita di peli in sedi dove normalmente sono assenti.

 

IPERTRICOSI
Con il termine ipertricosi si identifica un aumento della pelosità, senza zone di predilezione.

 

ALOPECIA
L'alopecia (anche nota come calvizie) è una condizione di mancanza, totale o parziale, dei capelli.

 

TERAPIE
Depilazione ed epilazione
I termini "depilazione" ed "epilazione" indicano i trattamenti ai quali si ricorre per eliminare i peli in eccesso, ma hanno un diverso significato:

Depilazione significa ridurre temporaneamente la lunghezza dei peli presenti sul corpo asportando solo la parte esterna alla superficie della pelle (fusto). La depilazione è temporanea (7-10 giorni), perché il fusto in breve tempo ricresce.

Epilazione invece significa asportare il pelo nella sua interezza, fino al bulbo pilifero, o in modo transitorio (ceretta, pinzette) o in modo permanente (laser, luce pulsata). La epilazione mediante cerette o strappo può peggiorare la circolazione locale inducendo la formazione di macchie, telengectasie e varici. infatti questa metodica è controindicata in presenza di vene varicose o di capillari (teleangectasie) superficiali.

 

Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla LUCE PULSATA per la epilazione progressiva permanente

 

Clicca qui per accedere al nostro forum su IRSUTISMO, IPERTRICOSI e ALOPECIA dove rispondiamo a dubbi, curiosità, quesiti su queste patologia e i suoi trattamenti.